Concorso Carabinieri per VFP1 e VFP4 1548 posti

E’ indetto un concorso pubblico, per esami e titoli, per il reclutamento di 1548 allievi carabinieri effettivi, riservato ai volontari in ferma prefissata di un anno (VFP1) o quadriennale (VFP4) ovvero in rafferma annuale, in servizio o collocati in congedo a conclusione della prescritta ferma con le seguenti modalità: a. n. 1058, da immettere direttamente nell’Arma dei carabinieri a conclusione della ferma di un anno quale volontario nelle Forze Armate; b. n. 490, da immettere nell’Arma dei carabinieri a conclusione della ferma di quattro anni quale volontario nelle Forze Armate. riportiamo uno stralcio del bando di concorso per una veloce consultazione, per una completa e puntuale consultazione si prega di fare riferimento sempre e comunque al sito ufficiale dell’Arma dei CarabinieriQualora il numero delle domande di partecipazione al concorso sia: a. superiore al quintuplo dei posti messi a concorso, i posti eventualmente non coperti sono portati in aumento a quelli riservati per il concorso successivo; b. inferiore al quintuplo dei posti messi a concorso, per i posti eventualmente non coperti possono essere banditi concorsi ai quali partecipano i cittadini in possesso dei prescritti requisiti. 2. Dei 1058 posti messi a concorso, n.6 sono riservati ai concorrenti in possesso, all’atto della scadenza del termine di presentazione delle domande, dell’attestato di bilinguismo (lingua italiana e tedesca) riferito a livello non inferiore al diploma di istituto di istruzione secondaria di primo grado di cui all’articolo 4 del decreto del Presidente della Repubblica 26 luglio 1976, n. 752 e successive modificazioni (Norme di attuazione dello statuto speciale della Regione Trentino Alto Adige in materia di proporzione negli uffici statali siti nella provincia di Bolzano), a prescindere dallo status di volontario in ferma prefissata di cui al comma 1, ai sensi del decreto legislativo 21 gennaio 2011, nr. 11 citato nelle premesse. 3. Ai sensi dell’articolo 642 del decreto legislativo 15 marzo 2010, n. 66, resta impregiudicata per il Comando generale dell’Arma dei carabinieri la facoltà di revocare o annullare il bando di concorso, di sospendere o rinviare le prove concorsuali, di modificare il numero dei posti, di sospendere l’ammissione dei vincitori alla frequenza del corso, in ragione di esigenze attualmente non valutabili né prevedibili, nonché in applicazione di disposizioni di contenimento della spesa pubblica che impedissero o limitassero le assunzioni di personale per l’anno 2011. In tal caso, il Comando generale dell’Arma dei carabinieri provvederà a dare formale comunicazione mediante avviso pubblicato nella Gazzetta Ufficiale – 4ª Serie speciale. Articolo 2 Requisiti di partecipazione 1. Possono partecipare al concorso: a) i cittadini italiani che siano: volontari in ferma prefissata di un anno in servizio da almeno 8 mesi (VFP1) o quadriennale (VFP4) delle Forze armate ovvero in rafferma annuale ovvero collocati in congedo a conclusione della prescritta ferma, ai sensi dell’articolo 2199 del decreto legislativo 15 marzo 2010, nr.66; in possesso dell’attestato di bilinguismo (lingua italiana e tedesca) riferito a livello non inferiore al diploma di istituto di istruzione secondaria di primo grado di cui all’articolo 4 del decreto del Presidente della Repubblica 26 luglio 1976, n. 752 e successive modificazioni, limitatamente all’accesso ai posti riservati di cui all’articolo 1, comma 2; b) godano dei diritti civili e politici; c) se volontari in ferma prefissata di cui alla lettera a) non abbiano superato il trentesimo anno di età alla data di scadenza del termine utile per la presentazione della domanda indicato nell’articolo 3, cioè siano nati dopo il 26 aprile 1981 compreso. Non si applicano gli aumenti dei limiti di età previsti per l’ammissione ai concorsi per i pubblici impieghi; d) se in possesso dell’attestato di bilinguismo di cui alla lettera a), limitatamente all’accesso ai posti riservati di cui all’articolo 1, comma 2, abbiano compiuto il diciassettesimo anno di età e non superato il ventiseiesimo anno, cioè siano nati nel periodo dal 26 aprile 1994 al 26 aprile 1985, estremi compresi. Il limite massimo d’età è elevato a 28 anni (nati nel periodo dal 26 aprile 1994 al 26 aprile 1983, estremi compresi), per coloro che abbiano prestato servizio militare e a 30 (nati nel periodo dal 26 aprile 1994 al 26 aprile 1981, estremi compresi) per coloro che siano volontari in ferma prefissata di cui alla lettera a), primo alinea; e) abbiano, se minori, il consenso di chi esercita la potestà; f) siano in possesso del diploma di istituto di istruzione secondaria di primo grado; g) non siano stati destituiti, dispensati o dichiarati decaduti dall’impiego in una pubblica amministrazione, licenziati dal lavoro alle dipendenze di pubbliche amministrazioni a seguito di procedimento disciplinare, ovvero prosciolti, d’autorità o d’ufficio, da precedente arruolamento nelle Forze armate o di polizia, a esclusione dei proscioglimenti per inidoneità psicofisica; h) abbiano tenuto condotta incensurabile e non siano stati condannati per delitti non colposi, anche con sentenza di applicazione di pena su richiesta, a pena condizionalmente sospesa o con decreto penale di condanna, ovvero non essere in atto imputati in procedimenti penali per delitti non colposi; i) non siano stati sottoposti a misure di prevenzione. 2. L’ammissione al corso è inoltre subordinata al possesso: – della idoneità psicofisica ed attitudinale da accertarsi con le modalità di cui agli articoli 10 e 11; – dei requisiti di moralità e condotta stabiliti, ai sensi dell’articolo 26 della legge 1° febbraio 1989, n.53, per l’ammissione ai concorsi nella magistratura oridinaria ed all’astensione dei comportamenti di cui all’articolo 635, comma 1, lettera l), del decreto legislativo 15 marzo 2010, n. 66. 3. I requisiti di partecipazione devono essere posseduti alla data di scadenza del termine utile per la presentazione della domanda indicato nell’articolo 3 e mantenuti, fatta eccezione per l’età, fino all’immissione nella ferma quadriennale del ruolo appuntati e carabinieri. 4. I candidati che presentano domanda di partecipazione al concorso, nel corrente anno non possono presentare domanda di partecipazione ad altri concorsi indetti per le carriere iniziali delle altre Forze di polizia ad ordinamento civile e militare, pena l’esclusione. Resta impregiudicata la possibilità per i candidati di partecipare ai concorsi indetti per il reclutamento di volontari in ferma prefissata quadriennale nell’Esercito, nella Marina, compreso il Corpo delle Capitanerie di Porto e nell’Aeronautica (VFP4), riservato ai volontari in ferma prefissata di un anno (VFP1) in servizio, in rafferma annuale o in congedo. 5. Il Direttore del Centro nazionale di selezione e reclutamento del Comando generale dell’Arma dei carabinieri può disporre, in ogni momento ed anche a seguito di verifiche successive, con provvedimento motivato, l’esclusione del candidato dal concorso o dalla frequenza del corso per difetto dei requisiti prescritti. Art. 3 Domanda di partecipazione. Termini e modalità 1. La domanda di partecipazione al concorso:  dovrà essere presentata esclusivamente on-line sul sito www.carabinieri.it – “area concorsi”, entro e non oltre il 30° giorno successivo a quello di pubblicazione del presente decreto nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana, seguendo le istruzioni per la compilazione che saranno fornite dal sistema automatizzato. Il Comando generale dell’Arma dei carabinieri – Centro nazionale di selezione e reclutamento provvederà a raccogliere tutte le domande, a stamparle e a farle sottoscrivere ai concorrenti all’atto della loro presentazione alla prova di selezione a carattere culturale e/o logico-deduttivo di cui all’articolo 7, per la conferma dell’avvenuto inoltro. La domanda presentata on-line non potrà essere modificata all’atto della sottoscrizione; i requisiti in essa dichiarati saranno considerati posseduti alla data della sua presentazione;  solo in caso di un’eventuale avaria del sistema automatizzato o di indisponibilità di un collegamento ad internet potrà essere redatta sull’apposito modello (fac-simile in allegato “A” che costituisce parte integrante del presente decreto), disponibile anche sul sito www.carabinieri.it, firmata per esteso dal concorrente e spedita a mezzo raccomandata con avviso di ricevimento, entro e non oltre il 30° giorno successivo a quello di pubblicazione del presente decreto nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana, al “Comando generale dell’Arma dei carabinieri – Centro nazionale di selezione e reclutamento – Ufficio concorsi e contenzioso- Viale di Tor di Quinto n.119, 00191 Roma”. La mancanza di sottoscrizione comporterà la non ammissione al concorso. I concorrenti residenti all’estero potranno compilare la domanda anche su modello non conforme, purchè contenente gli stessi dati di cui all’allegato “A” al presente decreto ed inoltrarla per il tramite delle Autorità diplomatiche o consolari, entro il medesimo termine. Il concorrente che, alla data di presentazione della domanda di partecipazione al concorso, è minorenne, dovrà far vistare la sua firma, apposta in calce alla domanda, da entrambi i genitori o dal genitore che esercita legittimamente l’esclusiva potestà o, in mancanza di essi, dal tutore. Per le domande presentate on-linela domanda sottoscritta dall’interessato e controfirmata da entrambi i genitori o dal genitore che esercita legittimamente l’esclusiva potestà o, in mancanza di essi, dal tutore dovrà essere consegnata all’atto delle presentazione alla prova di selezione a carattere culturale e/o logico-deduttivo. Per i militari non è ammessa la presentazione delle domande tramite i Comandi/Reparti di appartenenza. 2. I militari in servizio dovranno consegnare, contestualmente, una copia della domanda di partecipazione inviata on-line o spedita a mezzo lettera raccomandata, con avviso di riceviento, al Comando del Reparto/Ente presso il quale sono in forza, al solo fine di consentire al medesimo di curare le incombenze di cui all’articolo 4. I militari in congedo, qualora non in possesso dell’estratto della documentazione di servizio, per le stesse finalità dovranno presentare copia della domanda al Centro documentale (ex distretto militare)/Dipartimento militare marittimo/Capitaneria di porto/Direzione territoriale dell’Aeronautica di appartenenza. 3. Nella domanda il concorrente, consapevole delle conseguenze penali derivanti da dichiarazioni mendaci, ai sensi dell’articolo 76 del decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000, n. 445 e successive modificazioni, oltre a rilasciare le dichiarazioni contenute nel modulo di cui al citato allegato A, dovrà dichiarare: a) la residenza ed il Comune nelle cui liste elettorali è iscritto ovvero i motivi della non iscrizione o della cancellazione dalle liste medesime. Se cittadino italiano residente all’estero, anche l’ultima residenza in Italia della famiglia e la data di espatrio; b) il recapito al quale desidera ricevere tutte le comunicazioni relative al concorso, completo di codice di avviamento postale e, ove possibile, il numero telefonico e l’indirizzo di posta elettronica. I concorrenti sono tenuti, altresì, a segnalare al Comando Generale dell’Arma dei carabinieri – Centro nazionale di selezione e reclutamento – Ufficio concorsi e contenzioso – a mezzo fax (0680983913) o telegramma:  ogni variazione dell’indirizzo di residenza o recapito presso il quale si intende ricevere le comunicazioni relative al concorso;  ogni cambio di Comando/Reparto di appartenenza (specificando l’indirizzo ed il recapito telefonico del nuovo Comando/Reparto) o l’eventuale collocamento in congedo. Il Comando generale dell’Arma dei carabinieri non assume alcuna responsabilità per l’eventuale dispersione di comunicazioni dipendente da inesatta indicazione del recapito da parte del concorrente ovvero da mancata o tardiva comunicazione del cambiamento del recapito stesso indicato nella domanda, né per eventuali disguidi postali o telegrafici o comunque imputabili a fatto di terzi, a caso fortuito o a forza maggiore; c) il titolo di studio, la data e la sede dell’istituto o dell’università presso il quale è stato conseguito; d) se di madrelingua araba, cinese o di altri idiomi riconducibili al ceppo slavo, asiatico ed africano (specificando la lingua); e) la posizione giuridica di militare specificando:  la Forza armata ove presta o ha prestato servizio (Esercito, Marina, Aeronautica);  se si trovi in servizio o in congedo; f) di aver tenuto condotta incensurabile e di non essere stato condannato, anche con sentenza di applicazione della pena su richiesta, a pena condizionalmente sospesa o con decreto penale di condanna, di non essere in atto imputato in procedimenti penali per delitti non colposi, di non essere stato sottoposto a misure di prevenzione, né che risultino a proprio carico precedenti penali iscrivibili nel casellario giudiziale ai sensi dell’articolo 3 del decreto del Presidente della Repubblica 14 novembre 2002, n. 313. In caso contrario, dovrà indicare le condanne e le applicazioni di pena ed i procedimenti a carico ed ogni altro eventuale precedente penale, precisando la data del provvedimento e l’Autorità giudiziaria che lo ha emanato, ovvero presso la quale pende un eventuale procedimento penale per aver acquisito la qualifica di imputato. Dovrà impegnarsi, altresì, a comunicare al Comando generale dell’Arma dei carabinieri – Centro nazionale di selezione e reclutamento – Ufficio concorsi e contenzioso – viale di Tor di Quinto n. 119 – 00191 Roma, qualsiasi variazione della sua posizione giudiziaria che intervenga successivamente alla dichiarazione di cui sopra. Articolo 4 Istruttoria delle domande. Militari in servizio ed in congedo 1. I Comandi/Reparti/Enti, ricevuta la copia delle domanda di partecipazione al concorso, provvederanno a compilare l’estratto della documentazione di servizio, redatto come da fac-simile in allegato”B”, che costituisce parte integrante del presente decreto, aggiornato alla data di scadenza di presentazione delle domande e firmato dal Comandante di Corpo/Reparto/Ente nonché dal candidato per presa visione ed accettazione dei dati in esso contenuti. 2. I concorrenti, in servizio ed in congedo, all’atto della presentazione per lo svolgimento delle prove di efficienza fisica presso il Comando generale dell’Arma dei carabinieri – Centro nazionale di selezione e reclutamento , dovranno consegnare copia del suddetto estratto della documentazione di servizio, rilasciato dal Comando/Reparto/Ente/Centro documentale (ex distretto militare)/Dipartimento militare marittimo/Capitaneria di porto/Direzione territoriale dell’Aeronautica competente. I concorrenti in congedo che non riescano ad ottenere per comprovati motivi dagli enti competenti l’estratto della documentazione di servizio dovranno compilare la dichiarazione in allegato “C”. La mancata presentazione di detto estratto/dichiarazione comporterà l’esclusione dal concorso. Articolo 5 Svolgimento del concorso 1. Lo svolgimento del concorso prevede: a. prova di selezione a carattere culturale e/o logico-deduttivo; b. prove di efficienza fisica; c. accertamenti sanitari, per il riconoscimento dell’idoneità psico-fisica; d. accertamenti attitudinali; e. valutazione dei titoli. 2. L’Amministrazione si riserva la possibilità, qualora il numero delle domande venisse ritenuto incompatibile con le esigenze di selezione e con i termini di conclusione della relativa procedura concorsuale, di considerare la prova di cui al comma 1, lettera a), quale prova preliminare, da svolgersi con le modalità di cui all’articolo 7, comma 5. 3. I concorrenti – compresi quelli di sesso femminile che si siano trovati nelle condizioni di cui dell’articolo 580, comma 2, del decreto del Presidente della Repubblica 15 marzo 2010, n. 90 – all’atto dell’approvazione delle graduatorie di merito del concorso dovranno essere risultati idonei in tutti gli accertamenti previsti nel comma 1. In caso contrario saranno esclusi dal concorso. 4. L’Amministrazione della difesa non risponderà di eventuale danneggiamento o perdita di oggetti personali che i concorrenti lasceranno incustoditi nel corso delle prove e degli accertamenti di cui al comma 1 e provvederà ad assicurare i concorrenti per eventuali infortuni che dovessero verificarsi durante il periodo di permanenza presso la sede di svolgimento delle prove e degli accertamenti stessi. Articolo 6 Commissioni 1. Con successivi decreti del Comandante generale dell’Arma dei carabinieri, saranno nominate: a) la commissione esaminatrice, preposta:  alla valutazione della prova di selezione a carattere culturale e/o logico-deduttivo e dei titoli;  alla verifica della conoscenza della lingua straniera per i concorrenti di madrelingua di cui all’articolo 12, comma 2, lettera f);  alla formazione delle graduatorie di merito; b) la commissione per la valutazione delle prove di efficienza fisica; c) la commissione per gli accertamenti sanitari; d) la commissione per gli accertamenti attitudinali. 2. La commissione di cui al comma 1, lettera a) sarà composta da:  un ufficiale dell’Arma dei carabinieri, di grado non inferiore a colonnello, presidente;  un ufficiale dell’Arma dei carabinieri, di grado non inferiore a maggiore, membro;  un docente o esperto, che potrà essere diverso in funzione della lingua prescelta dai concorrenti, membro aggiunto, per la verifica della conoscenza della lingua straniera per i concorrenti di madrelingua;  un ispettore dell’Arma dei carabinieri, membro e segretario. 3. La commissione di cui al comma 1, lettera b) sarà composta da:  un ufficiale dell’Arma dei carabinieri di grado non inferiore a tenente colonnello, presidente;  un ufficiale dell’Arma dei carabinieri di grado non inferiore a capitano, membro;  un ispettore dell’Arma dei carabinieri, membro e segretario. La commissione potrà avvalersi, durante l’espletamento delle prove, di personale dell’Arma dei carabinieri in possesso della qualifica di istruttore militare di educazione fisica e dell’assistenza di personale medico. 4. La commissione di cui al comma 1, lettera c) sarà composta dal seguente personale dell’Arma dei carabinieri:  un ufficiale medico di grado non inferiore a tenente colonnello, presidente;  due ufficiali medici, membri, di cui il meno elevato in grado o, a parità di grado, il meno anziano svolgerà anche le funzioni di segretario. Detta commissione si avvarrà del supporto di medici specialisti anche esterni. 5. La commissione di cui al comma 1, lettera d) sarà composta dal seguente personale dell’Arma dei carabinieri:  un ufficiale di grado non inferiore a tenente colonnello, presidente;  un ufficiale con qualifica di “perito selettore attitudinale”, membro;  un ufficiale, psicologo, membro. Il meno elevato in grado o, a parità di grado, il meno anziano dei membri svolgerà anche le funzioni di segretario. Detta commissione potrà avvalersi del contributo tecnico-specialistico di personale del Centro nazionale di selezione e reclutamento del Comando generale dell’Arma dei carabinieri. Articolo 7 Prova di selezione a carattere culturale e/o logico deduttivo 1. I concorrenti saranno sottoposti, con riserva di accertamento del possesso dei requisiti prescritti per la partecipazione al concorso, ad una prova di selezione culturale e/o logico deduttivo. Argomenti e modalità di svolgimento della prova sono riportati nell’allegato “D”, che costituisce parte integrante del presente decreto. Trenta giorni prima dello svolgimento della prova sul sito internet: www.carabinieri.it sarà resa disponibile la banca dati dalla quale saranno tratti i predetti quesiti. 2. La prova verrà svolta a partire, verosimilmente, dal 2 maggio 2011. L’ordine di convocazione, la sede, la data e l’ora di svolgimento saranno resi noti, con valore di notifica a tutti gli effetti e per tutti i concorrenti, a partire dal 28 aprile 2011, nel sito internet www.carabinieri.it e presso il Comando generale dell’Arma dei carabinieri, V Reparto, Ufficio relazioni con il pubblico, piazza Bligny n. 2, 00197 Roma, telefono 0680982935. Resta pertanto a carico di ciascun concorrente l’onere di verificare la pubblicazione di eventuali variazioni o di ulteriori indicazioni per lo svolgimento della prova. 3. I concorrenti ai quali non è stata comunicata l’esclusione dal concorso sono tenuti a presentarsi, senza attendere alcuna convocazione, presso la sede d’esame nel giorno previsto almeno un’ora prima di quella di inizio della prova, muniti della ricevuta attestante la presentazione della domanda on−line o della ricevuta della raccomandata con cui hanno spedito la stessa, di un documento di riconoscimento provvisto di fotografia rilasciato da una amministrazione dello Stato ed in corso di validità nonché di penna a sfera ad inchiostro indelebile nero. 4. I concorrenti assenti al momento dell’inizio della prova saranno esclusi dal concorso, quali che siano le ragioni dell’assenza, comprese quelle dovute a causa di forza maggiore. Qualora la prova venga svolta in più di una sessione non saranno previste riconvocazioni ad eccezione dei concorrenti interessati al concomitante svolgimento di prove nell’ambito di altri concorsi indetti dall’Amministrazione difesa ai quali gli stessi hanno chiesto di partecipare. A tal fine gli interessati dovranno far pervenire (a mezzo telegramma o fax al n. 06/33566913) al predetto Centro nazionale di selezione e reclutamento un’istanza di nuova convocazione entro il giorno antecedente a quello di prevista presentazione, inviando documentazione probatoria. La riconvocazione, che potrà essere disposta compatibilmente con il periodo di svolgimento della prova stessa, avverrà a mezzo e-mail (se è stato indicato il relativo indirizzo nella domanda di partecipazione) o telegramma. 5. Qualora il numero delle domande venisse ritenuto incompatibile con le esigenze di selezione e con i termini di conclusione della relativa procedura concorsuale, la prova di cui al comma 1 avrà valore anche di prova preliminare. In detto caso il punteggio conseguito, espresso in centesimi: – determinerà la formazione di una graduatoria per individuare i concorrenti da ammettere a sostenere le prove di efficienza fisica di cui all’art.9 (i primi 5000 concorrenti compresi nella graduatoria, nonché coloro che avranno riportato lo stesso punteggio dell’ultimo candidato ammesso); – concorrerà alla formazione delle graduatorie finali di merito di cui all’articolo 13. Il relativo avviso sarà reso noto con le modalità di cui al comma 2. 6. La prova si svolgerà secondo le modalità fissate in apposito provvedimento dal Comandante generale dell’Arma dei carabinieri e, in quanto applicabili, secondo le disposizioni previste dall’articolo 13, commi 1, 3, 4 e 5 dal decreto del Presidente della Repubblica 9 maggio 1994, n. 487. 7. L’esito della prova, il calendario e le modalità di convocazione dei concorrenti ammessi a sostenere le prove di efficienza fisica, gli accertamenti sanitari ed attitudinali, saranno resi noti, con valore di notifica a tutti gli effetti e per tutti i concorrenti, a partire dal 1° giugno 2011, nel sito internet www.carabinieri.it e presso il Comando generale dell’Arma dei carabinieri, V Reparto, Ufficio relazioni con il pubblico, piazza Bligny n. 2, 00197 Roma, telefono 0680982935. Articolo 8 Documenti da produrre 1. I concorrenti convocati presso il Centro nazionale di selezione e reclutamento del Comando generale dell’Arma dei carabinieri per essere sottoposti alle prove di efficienza fisica, agli accertamenti sanitari ed attitudinali, all’atto della presentazione, oltre ad esibire la carta d’identità o altro documento di riconoscimento rilasciato da una Amministrazione dello Stato, munito di fotografia, in corso di validità (oltre all’originale dovrà essere portato al seguito una fotocopia del documento), dovranno produrre i seguenti documenti in originale o in copia conforme: a) documentazione di cui all’articolo 4, comma 2; b) qualora in possesso dell’attestato di bilinguismo di cui all’articolo 2, comma 1, lettera d), copia dello stesso; c) atto di assenso, in carta semplice, conforme all’allegato F, che costituisce parte integrante del presente decreto, sottoscritto da entrambi i genitori o dal genitore che esercita legittimamente l’esclusiva potestà o, in mancanza di essi, dal tutore (solo se ancora minorenni alla data di presentazione presso il Centro per le prove di efficienza fisica). La mancata presentazione di detto documento determinerà l’esclusione del concorrente minorenne; d) certificato di idoneità all’attività sportiva agonistica per l’atletica leggera in corso di validità, rilasciato da medici appartenenti alla federazione medico sportiva italiana ovvero da strutture sanitarie pubbliche o private accreditate con il servizio sanitario nazionale in cui esercitano medici specializzati in medicina dello sport. La mancata presentazione di detto certificato determinerà l’esclusione dalle prove e, quindi, dal concorso, non essendo ammesse nuove convocazioni; e) certificato attestante la recente effettuazione (da non oltre tre mesi) dell’accertamento dei markers virali anti HAV, HbsAg, anti HBs, anti HBc e anti HCV; f) certificato, conforme al modello riportato nell’allegato E, che costituisce parte integrante del presente decreto, rilasciato dal proprio medico di fiducia e controfirmato dagli interessati, che attesti lo stato di buona salute, la presenza/assenza di pregresse manifestazioni emolitiche, gravi manifestazioni immunoallergiche, gravi intolleranze ed idiosincrasie a farmaci o alimenti. Tale certificato dovrà avere una data di rilascio non anteriore a sei mesi a quella di presentazione; g) referto attestante l’esito del test per l’accertamento della positività per anticorpi per HIV; h) referto da cui risulti l’esito dell’esame radiografico del torace in due proiezioni, effettuato entro sei mesi antecedenti alla data fissata per gli accertamenti sanitari (solo qualora il concorrente ne sia già in possesso per motivi diversi dalla partecipazione al concorso. Il referto non dovrà essere esibito qualora il concorrente non ne sia già in possesso. 2. I concorrenti di sesso femminile dovranno altresì produrre referto: a) di ecografia pelvica eseguita entro i tre mesi precedenti la data degli accertamenti sanitari; b) attestante l’esito di test di gravidanza (mediante analisi su sangue o urine) entro i cinque giorni precedenti la data di presentazione, per lo svolgimento in piena sicurezza delle prove di efficienza fisica e per la finalità indicate nell’articolo 10, comma 10. La mancata presentazione di detto referto determinerà l’esclusione dalle prove di efficienza fisica e, quindi, dal concorso, non essendo ammesse nuove convocazioni. 3. Tutti gli esami strumentali e di laboratorio di cui ai commi 1 e 2 richiesti ai candidati dovranno essere effettuati presso strutture sanitarie pubbliche, anche militari, o private accreditate con il Servizio sanitario nazionale. In quest’ultimo caso dovrà essere prodotta anche l’attestazione in originale della struttura sanitaria medesima comprovante detto accreditamento. Articolo 9 Prove di efficienza fisica 1. Le prove di efficienza fisica, che avranno luogo, versosimilmente, a partire dal 6 giugno 2011, si svolgeranno secondo le modalità e con i criteri indicati nell’allegato “G”, che costituisce parte integrante del presente decreto, nonchè con quelle definitive in apposito provvedimento del Comandante generale dell’Arma dei carabinieri, ove sono indicati anche i comportamenti che dovranno tenere i concorrenti, a pena di esclusione, nelle ipotesi di infortuni o di indisposizioni verificatisi prima o durante dello svolgimento degli esercizi. 2. I concorrenti convocati dovranno: a. presentarsi indossando idonea tenuta ginnica (con giacca a vento al seguito); b. produrre i documenti indicati nell’articolo 8. 3. Il concorrente che, regolarmente convocato con le modalità di cui all’articolo 7, comma 7, non si presenti nel giorno e nell’ora stabiliti per le prove di efficienza fisica sarà considerato rinunciatario e quindi escluso dal concorso, quali siano le ragioni dell’assenza comprese quelle dovute a causa di forza maggiore. Non saranno previste riconvocazioni, ad eccezione dei concorrenti interessati al concomitante svolgimento di prove nell’ambito di altri concorsi indetti dall’Amministrazione difesa ai quali gli stessi hanno chiesto di partecipare e di quelli che non siano in possesso, alla data di convocazione, dei certificati e referti di cui all’articolo 8, commi 1 e 2 – tranne che per quelli previsti al comma 1, lettera a) ed al comma 2, lettera b) – in ragione dei tempi necessari per il rilascio di tali documenti da parte di strutture sanitarie pubbliche o private accreditate. A tal fine gli interessati dovranno far pervenire (a mezzo telegramma o fax al n. 06/33566913) al predetto Centro nazionale di selezione e reclutamento un’istanza di nuova convocazione entro il giorno antecedente a quello di prevista presentazione, inviando documentazione probatoria attestante la data di ritiro di detti referti e certificazioni. La riconvocazione, che potrà essere disposta compatibilmente con il periodo di svolgimento della prova stessa, avverrà a mezzo e-mail (se è stato indicato il relativo indirizzo nella domanda di partecipazione) o telegramma 4. Il mancato superamento anche di uno solo degli esercizi obbligatori determinerà il giudizio di inidoneità da parte della commissione di cui all’articolo 6, comma 1, lettera b) e il candidato, che non sarà ammesso ai successivi accertamenti sanitari, sarà escluso dal concorso. Il superamento di tutti gli esercizi obbligatori ed eventualmente di quelli facoltativi, determinerà un giudizio di idoneità alle prove di efficienza fisica, con attribuzione di un punteggio incrementale, secondo le modalità indicate nel citato allegato “G”, fino ad un massimo di 2 punti, utile per la formazione delle graduatorie di cui all’articolo 13.

Lascia un Commento